moravia

Stabilizzare la disperazione – “1934” di Alberto Moravia

“È possibile vivere nella disperazione e non desiderare la morte?” – parte da questo interrogativo del protagonista Lucio 1934, romanzo scritto da Moravia nel 1982 e ambientato nell’anno in cui Hitler uccide tutti gli oppositori del regime durante la Notte dei lunghi coltelli. Lucio, intellettuale 27enne e antifascista, si reca a Capri per tentare di “stabilizzare […]

Read More

“Un matto”: De André e il labile confine tra sanità e follia

«Tu prova ad avere un mondo nel cuore e non riesci ad esprimerlo con le parole», questa frase, che fa da esordio alla canzone: Un matto (dietro ogni scemo c’è un villaggio) di De André – tratta dall’album Non al denaro non all’amore né al cielo del 1971 – basterebbe da sola a palesare il […]

Read More

“I giardini di marzo”, Battisti e l’inadeguatezza esistenziale

I giardini di marzo, una delle più emozionanti canzoni del panorama musicale italiano, composta dal celebre paroliere Mogol e cantata da Battisti, una metafora dell’infanzia e della povertà, ma anche un’allegoria più generale della mancanza di coraggio. I giardini di marzo fu pubblicata il 24 aprile 1972 all’interno dell’album “Umanamente uomo. Il sogno” di Battisti. Il testo, scritto […]

Read More
guccini

L’altra faccia di Guccini: “Vedi cara” e l’incomunicabilità emotiva

“Vedi cara, è difficile a spiegare, è difficile capire se non hai capito già”: in questa frase, che fa da ritornello alla canzone – uscita nel 1970 all’interno del secondo album di Guccini: “Due anni dopo”- emerge e si reitera per tutto il brano, l’incapacità del protagonista di rendere chiari i motivi che hanno determinato […]

Read More
levante

“Io ti maledico” – Levante e la pazienza consumata dall’attesa

Uscito allo scoccare della mezzanotte del 17 marzo “Io ti maledico”, secondo singolo estratto dal nuovo album di Levante – Nel caos di stanze stupefacenti – in uscita il prossimo 7 aprile per Carosello Records. Non so perché caddi in quel buco nero. L’orizzonte degli eventi dove tutto ciò che va non ritorna. Mi sentii così, […]

Read More
coprifuoco

“Coprifuoco” – secondo singolo per Le Luci della Centrale Elettrica

Come promesso, Le Luci della centrale elettrica hanno pubblicato anche il secondo singolo estratto da “Terra”. S’intitola “Coprifuoco” ed anticipa il nuovo disco in uscita il prossimo 3 marzo. Dopo il successo del primo singolo “Stelle marine” (QUI la recensione), Vasco Brondi regala un’altra perla dallo sfondo semantico ricco ed impegnato, che passa in rassegna […]

Read More
samuel il codice della bellezza

Svelato Il codice della bellezza di Samuel [recensione]

Niente più segreti da decifrare, da oggi Il codice della bellezza del primo disco solista di Samuel è stato svelato nella sua interezza. Quattordici tracce dalle quali filtrare l’incanto che ogni persona speciale porta dentro di sé e trascina dietro di sé. Una grazia che va oltre i concetti puramente estetici. Una sensibilità che si palesa […]

Read More
stelle marine forma di fulmine

“Stelle marine” – Le luci della centrale elettrica e i sogni dei migranti

“In questa notte di disordine” Le Luci della Centrale elettrica  hanno pubblicato “Stelle marine”, primo singolo estratto da “Terra”, in uscita il prossimo 3 marzo. Un brano impegnato che affronta il delicato ed attualissimo tema delle migrazioni dalla prospettiva di una città moderna come Milano. “Dentro ci sono gli insulti e le preghiere, dei canti allegri […]

Read More
lo stato sociale vorrei essere una canzone

“Vorrei essere una canzone”, la rivoluzione romantica de Lo Stato Sociale

  Ancora una volta Lo Stato Sociale abbatte gli schemi delle convenzioni sociali, e lo fa con un pezzo inaspettatamente dedicato all’amore e alla libertà di poterlo professare senza vincoli. “Vorrei essere una canzone” è un brano romantico, delicato, ricco di quei particolari minuscoli che fanno bene al cuore. Ma nello stesso tempo è un brano […]

Read More
gabbani

L’involuzione dell’uomo moderno – Francesco Gabbani e la provocatoria “Occidentali’s karma”

Quante volte abbiamo provato ad emulare le tradizioni orientali alla ricerca della pace interiore senza riuscirci? Beh, il brano presentato da Francesco Gabbani alla sua prima partecipazione da Big a Sanremo, ironizza proprio sui tentativi mai riusciti di fare propria una cultura che non ci appartiene. Con Occidentali’s karma Gabbani ha riportato sul palco dell’Ariston […]

Read More
mannoia che sia benedetta

“Che sia benedetta” – l’inno alla vita di Fiorella Mannoia

“Per quanto assurda e complessa ci sembri la vita è perfetta”, questo il perno semantico attorno al quale ruota il testo presentato a Sanremo da Fiorella Mannoia, la super favorita di questa 67esima edizione del Festival. Un brano profondo, di quella profondità che costringe a fermarsi, ad ascoltare, a riflettere. “Che sia benedetta” è un […]

Read More
clementino ragazzi fuori

Clementino e il riscatto dei “Ragazzi fuori”

Un brano ispirato al disagio sociale delle nuove generazioni, di cui lui stesso ha sofferto le dinamiche, quello portato all’Ariston da Clementino, il rapper campano alla sua seconda partecipazione al Festival dopo il settimo posto dello scorso anno. Il testo della canzone, composto a quattro mani con Marracash, rispecchia le due anime dei suoi autori, […]

Read More
ermal meta vietato morire

Ermal Meta – “Vietato morire”, autobiografia di una rinascita

“L’amore non è violenza”, è da questo fondamento che si sviluppa il testo di “Vietato morire”, brano dallo sfondo autobiografico con cui Ermal Meta si presenta al suo esordio tra i big del Festival. Dopo 3 partecipazioni nella categoria giovani, tra cui l’ultima proprio lo scorso anno da solista, torna sul palco dell’Ariston con una […]

Read More
samuel vedrai

Samuel – “Vedrai”, il potere della vita in due

“Se siamo ancora qui vuol dire che un motivo c’è”, comincia così il testo di “Vedrai”, brano scelto da Samuel per la partecipazione al Festival di Sanremo, che dopo l’esperienza con i Subsonica del 2000, lo vedrà salire sul palco dell’Ariston da solista Una svolta personale e professionale maturata nel corso dell’ultimo anno, che sarà […]

Read More
fask forse non è la felicittà

FASK – “Forse non è la felicità”, quando il percorso è più importante della meta

“Forse non è la felicità ciò che voglio, ma il percorso per raggiungerla”, questo il perno semantico attorno a cui ruota il secondo singolo estratto dal nuovo album dei Fast Animals and Slow Kids. Un brano a metà strada tra il miraggio della felicità e gli ostacoli superati per rincorrerla. Ma quanto c’è di reale alla […]

Read More
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: