Samuele Bersani – Quando “La fortuna che abbiamo” si fa contraddizione

bersani

In rotazione radiofonica da oggi il nuovo attesissimo singolo di Samuele Bersani, “La fortuna che abbiamo”, un brano dalle sonorità rinnovate, ma nel quale è impossibile non riconoscere la scrittura enigmatica del cantautore riminese. Un alternarsi di ambizioni e disinganni, di sogni e consapevolezze, di gioie e rimpianti, di sicurezze scadute e rischi mai corsi.

Volevo essere come quei popcorn
Che non scoppiano
Quando stanno sul fuoco
Ma io avevo sottovalutato la pericolosità
di un petardo inesploso

Spesso sottovalutiamo l’avventatezza dei nostri desideri, destinati a deflagare incoscientemente mentre stiamo ancora fantasticando sulle nostre vitali e fragili illusioni.

Eccomi al lavoro
Qui davanti alla tela di un quadro incompiuto
Con un punteruolo intento a distruggerlo
Anche se l’ho venduto

Ed ecco che si fanno strada le eterne contraddizioni che rendono la nostra esistenza un quadro sempre incompleto, di cui, nei momenti di esitazione più cupa, vorremmo cancellare ogni abbozzo. Ma basta una piccola distrazione a veder svenduti i nostri progetti prima ancora di poterli colpire col punteruolo della rinuncia.

C’è chi tiene degli inutili trofei
dritti sopra un ripiano
E se li lucida personalmente
C’è chi invece sente di non aver preso
parte a nulla di che
E questo è

C’è chi fa della sua vita una collezione di sterili conquiste, e chi vive svalutando ogni situazione, rendendo ugualmente vuoto il suo bagaglio di emozioni. Ma Samuele non ci sta, e “vuole spremere il tubetto fino in fondo, ridipingere con un colore più intenso, meno opaco” la sua vita, facendo della fortuna una fonte naturale di equilibrio e pienezza.

Per poter apprezzare la bellezza delle cose senza diventarne vittime, per donare qualcosa di sé agli altri senza dipendere necessariamente dalla loro presenza. Per evitare di sentirsi un giorno oceano e un giorno fontane svuotate, persi in un bicchiere che non sappiamo più bere come le piante che credono nel cielo. Divisi fra la timidezza dell’indecisione e la voglia di percorrere in due la strada che ci separa da quel sentimento capace di stanare ogni più intima paura.

E correre in discesa fa paura quando manca l’aderenza
Puoi prendermi le braccia e immaginare che siano freni d’emergenza

Solo lasciando sgorgare l’anima, togliendo il freno ad ogni diffidenza, possiamo diventare i protagonisti del nostro cambiamento, e artefici delle nostre, seppur minuscole ed inconsistenti, fortune.

E questo è.

“La fortuna che abbiamo” anticipa l’omonimo album live, in uscita il prossimo 3 giugno per Sony music. Una registrazione audio dei concerti tenuti dal cantautore lo scorso anno a Roma e Milano. Ad arricchire il disco, duetti con Luca Carboni, Caparezza, Pacifico, Musica Nuda, Gnu Quartet. E ancora un featuring con Carmen Consoli sulle note del manifesto “Giudizi universali” e una collaborazione con Marco Mengoni grazie al brano “Il Pescatore di Asterischi”. In autunno Samuele Bersani tornerà sul palco con un nuovo ed atteso tour.

Lascia un commento