Poesia Festival 2017 – cartellone ricco di eventi per la 13esima edizione

Tutto pronto per il Poesia Festival 2017 con le migliori voci della poesia contemporanea e del teatro, cinema e musica. La tredicesima edizione si terrà dal 18 al 24 settembre 2017, promossa dai comuni dell’Unione Terre di Castelli (Castelnuovo Rangone, Castelvetro di Modena, Guiglia Marano sul Panaro, Savignano sul Panaro, Spilamberto, Vignola e Zocca) e dal comune di Castelfranco Emilia. Un festival che parla di poesia e di un intero territorio ricco di bellezza, gastronomia ed eccellenze produttive.

Un cartellone ricco di incontri di alto livello e che accoglie numerose iniziative spontanee nate da privati e associazioni del territorio, raccogliendo partecipazione da un territorio diffuso di nove comuni che per una settimana si uniscono per vivere lo stesso clima di festa e di amore per la poesia.

Si parte venerdì 20 settembre a Vignola con I versi estrosi e multiformi di Patrizia Valduga per esplorare uno dei percorsi più avvincenti della nostra poesia, sempre a stretto contatto coi grandi maestri del Novecento. Un filosofo di fama internazionale come Massimo Cacciari riflette a tutto tondo sui rapporti tra la poesia e le altre arti, mentre uno dei flautisti più apprezzati a livello internazionale, Andrea Griminelli, offre le suggestioni più delicate e appassionate dal suo repertorio di scena.

I frammenti lirici costituiscono un’opera unica e irriducibile nel contesto della poesia del Novecento. Il 21 settembre a Castelvetro di Modena Alberto Bertoni ce ne racconta la genesi, la poetica e le curiosità della sua creazione, facendoci ascoltare le poesie nella resa fedele del gruppo di lavoro di Claudio Longhi e intrecciando la poesia spirituale con la parabola di una figura rimossa, eppure emblematica, della nostra tradizione. A Vignola invece ci sarà Andrea Pazienza con la sua biografia a fumetti.

Venerdì 22 settembre sempre a Vignola alle 17 e 30, intitolato “Dialogo sulla poesia europea” che avrà per protagonisti il massimo poeta olandese, Willem Van Toorn e il nostro Sergio Zavoli. A loro il compito di confrontarsi su un tema scottante e attuale come quello dell’Europa, del suo passato e del suo futuro e di rispondere alla domanda se esista o no una poesia europea che unisce i popoli e le lingue al di là delle frontiere, leggendo anche i loro testi.

Poi toccherà alla canzone d’autore e al rap “d’autore” raccontare il fil rouge con la poesia; lo faranno Francesco Guccini e Muburutu, il rapper più letterario d’Italia, sempre venerdì 22 settembre a Castelfranco Emilia alle ore 21. Linguaggi diversi, tra tradizione e innovazione, alla ricerca di nuovi ritmi e stili che cercheranno di fare il punto sul rapporto fra poesia a musica oggi. A Castelvetro di Modena si esibirà invece Mara Redeghieri, cantante della scena indie con gli Üstmamò, sul palco col suo primo album da solista Recidiva, mostrandoci il suo volto feroce ed efficace, capace di recuperare la musica popolare dell’Appennino reggiano e la storia della canzone anarchica. Ancora rap, questa volta più cinico e ironico, con il concerto di Willie Peyote previsto sabato 23 settembre a Castelnuovo Rangone.

Tra i protagonisti di questa edizione anche Morgan,  che dialogherà con il giornalista del Resto del Carlino Leo Turrini, sabato 23 a Vignola. Ad aprire una serata che si annuncia imperdibile sarà il poeta Gianni D’Elia con letture di poesie dedicate alla nostra nazione, “All’Italia: poesie civili da Dante a oggi”. Silvia Bre, Nina Nasilli e Luigia Sorrentino saranno invece le protagonisti femminili del Festival. Spazio anche alla poesia dialettale, alla scoperta della camminata con un percorso sul suo valore insieme alle letture di Franco Arminio, al campionato italiano di Slam Poetry, fino all’incontro su “L’Alzheimer: la malattia, la cura, l’amore, la poesia”, che vuole indagare la dimensione sanitaria, sociale e anche poetica di un male dei nostri giorni.

Il rapporto fra la musica e la parola torna anche nella domenica conclusiva del festival, dedicata a “John Lennon. La musica, l’arte, la poesia”. Si parte al pomeriggio con la conversazione fra il giornalista di Repubblica Michele Smargiassi e Antonio Taormina, curatore dell’antologia di scritti di John Lennon “Immagina” che raccoglie brani di prosa, poesia e disegni tratti dagli unici due libri pubblicati in vita da John Lennon. A seguire, il gruppo di attori che da anni accompagna Claudio Longhi farà una lettura scenica tratta da “Immagina”. Chiuderanno la serata e saluteranno l’edizione 2017 di Poesia Festival, i Beatbox, la cover band dei Beatles più famosa d’Europa che farà rivivere l’energia esplosiva del quartetto di Liverpool non solo con le note musicali ma anche con gli strumenti d’epoca e i vestiti dei quattro baronetti, nel cinquantesimo anniversario di “Sgt. Pepper”.

Per conoscere il programma nel dettaglio —-> http://www.poesiafestival.it/programma/domenica-24-settembre-2017

 

 

Lascia un commento