Morto Keith Emerson, tastierista e fondatore degli “Emerson, Lake & Palmer”

emerson

Ennesimo lutto nel mondo del rock, che piange la scomparsa di Keith Emerson, pianista, tastierista e co-fondatore del trio Emerson, Lake & Palmer. La notizia è stata diffusa dal sito del batterista Carl Palmer.

Nato il 2 novembre 1944, Emerson è morto ieri notte nella sua casa di Los Angeles. Tra gli anni ’60 e ’70 è stato uno dei massimi interpreti del progressive rock, fusione dei generi più diversi tra cui rock and roll, classica, jazz e world music. Suonò anche con il Keith Emerson Trio, i John Brown’s Bodies, i The T-Bones e i The V.I.P.’s, prima di fondare gli ELP nel 1970 insieme a Palmer e al cantante e chitarrista Greg Lake, uno dei gruppi più importanti della storia del prog-rock mondiale.

“Ci spiace annunciare che Keith Emerson è morto la scorsa notte nella sua casa di Santa Monica, a Los Angeles, all’età di 71 anni. Chiediamo che vengano rispettati la privacy e il dolore della famiglia”

hanno scritto i membri della sua band sulla loro pagina facebook ufficiale.

A scoprire il cadavere pare sia stata la compagna del musicista. La morte di Emerson giunge inaspettata, alla vigilia di un tour in Giappone che sarebbe partito la prossima settimana.


Aggiornamento ore 00:15

Stando a quanto riportato dal sito “TMZ”, Keith Emerson si sarebbe suicidato.

Secondo alcune fonti di “TMZ”, legate all’ambiente investigativo, il corpo del musicista (trovato dalla sua compagna nella loro casa di Santa Monica) presenterebbe una singola ferita causata da un colpo d’arma da fuoco, alla testa. Probabilmente, alla base del folle gesto, dei problemi di depressione dovuti a una malattia degenerativa ai nervi della mano destra, che lo aveva impossibilitato a suonare con tutte e 10 le dita.


Aggiornamento 23:50

“Billboard” ha avuto conferma ufficiale dalla polizia di Santa Monica del fatto che la morte di Emerson è, al momento, oggetto di indagine e viene trattata come un possibile suicidio.


Lascia un commento