“La prima stella” – Gigi D’Alessio si racconta alla madre scomparsa

gigi dalessio la prima stella

Una canzone che già nel suo intento promette di emozionare tutti, soprattutto il suo autore Gigi D’Alessio, che dopo tanti anni di carriera dedica questo Sanremo e questo brano alla madre scomparsa quando aveva soli 18 anni. Un modo per renderla partecipe del suo successo, dei traguardi raggiunti alla soglia dei 50 anni e dei 25 anni di carriera, della sua vita, di tutte le cose successe durante questo lunghissimo tempo che li ha costretti a stare lontani l’uno dall’altra.

Potessi avere io le ali e scavalcare il cielo
Volare oltre l’universo
E arrivare dove niente è più lo stesso
Vorrei farti vedere il viso mio com’è cambiato
Qualche ruga mi ha graffiato
Come vedi gli anni passano
Ma non ho chiuso il cuore
Io posso ancora amare

Ho mille sogni ancora da inseguire
Ed il più bello so a chi regalare
Il tempo perso da restituire
A chi mi deve un giorno perdonare
Vorrei Gli occhi tuoi nei miei
Per guardare insieme
Tutto quello che tu forse non hai visto
Sai quante volte io
Ti ho invocato aiuto
Ed ho implorato pure Dio
Che ho sentito sempre mio
Quante volte ti ho cercato
E ti ho parlato
Ed ho sperato Mentre guardavo con gli occhi in su
Che la prima stella accesa Quella fossi tu

Adesso un fiore nasce pure senza sole
Un figlio può arrivare
Anche senza far l’amore
Chi è pronto per morire
Non ha la croce al muro
Che c’è una porta aperta sopra il mare
Per chi da guerre cerca di fuggire
Dal vecchio male ci si può salvare
E avrei potuto anche vederti invecchiare

Sento la voce tua
Ma è nella mente mia
Quello che posso solamente fare
È accarezzare una fotografia
Quante volte ti ho cercato
E ti ho parlato
Ed ho sperato
Mentre guardavo con gli occhi in su
Che la prima stella accesa
Quella fossi tu

Lascia un commento