“La risposta” – il debutto da solista di Samuel Romano

la risposta

In attesa dell’uscita del suo primo album da solista, Samuel Romano, l’inconfondibile voce dei Subsonica, ha pubblicato il primo singolo estratto dal disco, “La risposta”. Un brano che conferma l’indole elettronica del cantautore, mettendola al servizio di un mood decisamente più commerciale.

“La risposta è una canzone che ho scritto in un momento di forte necessità espressiva. Porsi delle domande credo sia fondamentale per la naturale crescita di ogni uomo. Smettere di cercare risposte, smettere di aver curiosità, smettere di sentirsi come un bambino che impara a camminare è la fine di tutto. ‘La risposta’ racconta queste mie paure. Era giusto cominciare una nuova strada con questa canzone, perché è quella che maggiormente dipinge questi ultimi anni della mia vita musicale”.

Dopo diversi indizi sparsi sui social, countdown e anticipazioni ecco finalmente arrivare l’atteso singolo. Fra pochi giorni sarà annunciato anche il titolo del disco, la cui uscita è prevista a gennaio. Un album desiderato, ispirato, voluto. Ma non estraneo a timori, a quelle domande intrise di paura che “La risposta” riassume e mette in musica. 

A tutto quello che non basta
a tutti gli alibi e alla verità
a quello che non hai mai chiesto
ad ogni dubbio che si accenderà
al cielo azzurro dietro a un vetro
ad uno sguardo che si è perso ormai
all’innegabile paura
che in questa vita non mi basterà.

A tutto quello che non resta
a quello che poi si dimentica
ad un’idea che gira in testa
a cosa chiede il mio DNA
alle domande più frequenti
alla paura, alla necessità
alla bellezza di un tramonto
al mio bisogno di semplicità
a quello che non so capire
a tutto quello che verrà.

Cercare una risposta a tutti gli interrogativi che la vita dissemina lungo il nostro cammino, è una spinta naturale alla crescita. S’indaga costantemente su se stessi e sul nostro rapporto con le verità del presente e le possibilità del futuro. Le risposte, se ci sono, possono essere ovunque, negli alberi, nelle foglie, nel sole, in un temporale. Ma il più delle volte sono semplicemente nel nostro cuore. E la scelta di Samuel di intraprendere questo percorso da solista lo dimostra.

“Scrivere un disco non è roba da poco. Intervengono un sacco di variabili, ispirazione, freschezza, avere qualcosa da dire qualcuno che te lo paga ed altre circostanze che adesso non mi vengono in mente ma che vi assicuro sono parecchie e insidiose.  Doverlo fare, cercando di non ripetersi è spaventoso. 

Come fare? Ogni volta ti trovi con davanti un burrone e solamente un palloncino pieno d’aria a sorreggerti e devi pure sperare che il vento soffi dalla parte giusta. Intanto intorno a te sembra quasi che tutto il mondo stia li ad aspettare che quel palloncino esploda.  Quando lo fai in gruppo tutto diventa più sopportabile, i palloncini sono di più ed un po’ più grossi. il burrone si rimpicciolisce, anche se le insidie cambiano volto e grandezza sono comunque presenti ma più sopportabili. Da solo è un casino. 

Sento ripetere da chiunque che dovrei cercare di fare un disco diverso da quelli dei Subsonica, un’altra roba, ma come si fa? ogni volta che ascolto la mia voce, dico: “accidenti! questa è la voce di quello dei subsonica”. Il Palloncino si rimpicciolisce ulteriormente e il burrone si ingrandisce, ma giuro sarò forte e incosciente il giusto, perché confido che qualcuno di voi stia li piazzato dietro di me a soffiare forte forte dalla parte giusta.

Oggi esce il mio primo singolo #larisposta ecco alcuni link utili per rintracciarlo
https://lnk.to/LaRisposta” – queste le parole di Samuel lasciate sulla pagina facebook ufficiale dei Subsonica.

Qui il video del singolo lanciato in anteprima sul Corriere della Sera.

Lascia un commento