“Introverso” – Chiara Dello Iacovo in equilibrio instabile [intervista]

introverso

In gara nella sezione Sanremo Giovani la giovanissima Chiara Dello Iacovo sta già spopolando sui social e in radio. “Introverso” è un brano dalle mille sfaccettature – emotive, sonore, visive – che la cantautrice è riuscita a mostrare da diverse angolature, grazie alle sue doti canore e recitative.

Reduce dall’esperienza televisiva a The Voice, Chiara ha composto il testo di “Introverso” proprio durante l’ultima settimana di permanenza all’interno del talent, in un momento di crisi. Il senso d’inaguatezza provato nel confrontarsi con il mondo dello spettacolo l’aveva portata a chiudersi in se stessa e a rivendicare, attraverso la scrittura, una forma di espressione che la rappresentasse nella sua vera essenza. Ma lasciamo che sia lei a parlarcene.

  • Partiamo dal brano che porterai a Sanremo. “Introverso” è un pezzo che caratterizza fortemente la tua personalità artistica, ma quanto c’è di Chiara in questo testo?

C’è tutta…una parte di me. Questo brano rispecchia la mia condizione di ormai qualche mese fa, condizione che in quel preciso arco di tempo occupava la mia persona quasi per intero. Adesso ovviamente, essendo immersa in un contesto differente, al mio “introverso” si sono affiancate altre componenti della mia personalità, trovando un nuovo equilibrio.

  • “Non trovo un percorso che mi stia bene addosso”, pensi che la strada che ti sta per condurre sul palco dell’Ariston sia finalmente quella giusta o ci sono ancora timori legati alla tua precedente esperienza televisiva?

In realtà questa frase per me ha un significato ben più ampio. Si può, in un discorso circoscritto, ridurre all’ambito della carriera e quindi intendere “percorso” come la serie di step che ti portano a raggiungere il tuo obiettivo, nel mio caso un posto nel mondo della musica. In realtà si riferisce al fatto di trovarsi un percorso di accrescimento personale, all’interno della società, ed io ancora non l’ho trovato. Mi districo tra il tentativo di portare avanti l’università, quello di preparare un esame di pianoforte per eventualmente entrare in conservatorio, il grillo parlante nell’orecchio che ogni giorno mi trapana le meningi ricordandomi che dovrei tornare a fare teatro. Insomma, la sensazione che non ci sia una strada che mi calzi, è ancora decisamente un problema concreto. Forse l’unica soluzione è cucirsela su misura.

  • Riconoscersi “senza doverlo dimostrare”.. in un contesto di competizione come Sanremo riuscirai a rispettare questo monito?

Quando la tensione si fa più prepotente, cerco di ricordarmi che a Sanremo non devo fare niente di più di quello che già non sono. Il palco è l’unico posto che davvero mi legittima, in libertà, perché un contesto come il Festival dovrebbe trasformarsi in una trappola anziché in un’ennesima occasione per lasciarsi andare?

  • Ti abbiamo conosciuta ed apprezzata a “The Voice” per la tua sensibilità pronta a trasformarsi in carica emotiva ed esplosiva davanti a un microfono. Affronterai questo Festival con la stessa attitudine?

È oggettivo che “Introverso” non sia una canzone che punti sull’emotività. A “TheVoice” è stato messo in luce solamente quel lato di me, perché le canzoni che ho avuto modo di interpretare facevano leva su esso: ma di Chiare qua dentro, ne ho parecchie.


Non basta un bel discorso
per ritenerti assolto

ma quando ti ricapita di stare zitto
e smetterla di prendere opinioni in affitto

Le difficoltà legate alla comunicazione sono uno dei temi portanti sia del testo che del videoclip ufficiale del brano. Alla genesi autobiografica del componimento, è legata una storia parallela, interpretata dalla stessa Chiara, che vaga come uno scricciolo all’interno della società recuperando i “barattoli dei discorsi inutili”. In essi sono simbolicamente contenute tutte le opinioni sterili, i giudizi di parte, le parole superflue.

è tutto sterile ed asettico
dentro a questo imballaggio plastico
dove le bombole di ossigeno
son razionate più del merito

non basta un documento per assumere un’identità
è tutto stabile e dinamico
dentro a questo ingranaggio cosmico
che lo ritrovo fra le costole

L‘invettiva contro l’aridità del mondo, la mancanza di personalità degli individui, l’indifferenza generale, è velata ed ironica, ma allo stesso tempo mirata e pungente.

intro-dentro verso giusto opposto

intro-verso così mi riconosco in me e senza doverlo dimostrare

Ma Chiara, nonostante il suo vagare tra le incomprensibili stranezze della contemporaneità sembra aver finalmente trovato la sua dimensione. Dove poter essere se stessa senza filtri o forzature. E il suo coraggio è stato già premiato dal pubblico, che le ha permesso di conquistare il podio di Facebook con 13.254 fan e il primo posto per passaggi in radio tra gli 8 brani dei partecipanti nelle Nuove Proposte.

Da venerdì 12 febbraio sarà disponibile nei negozi tradizionali, in digital download e su tutte le piattaforme streaming “Appena Sveglia”, disco d’esordio di Chiara Dello Iacovo in uscita per Rusty Records / Believe Digital.

Lascia un commento