Adele – “When we were young”, scatti rubati al tempo

adele

Dopo lo straordinario successo di Hello, Adele continua a raccontarci il suo percorso di maturazione con When we were young, secondo estratto dal nuovo album 25.

A pochi giorni dall’uscita di “25”, avvenuta il 20 novembre, è stata diffusa una versione dal vivo di un nuovo brano di Adele, dal titolo When we were young, registrato nei The Church Studios di Londra. La canzone, arrivata dopo l’incredibile successo del primo singolo “Hello”, ne riprende e chiarisce molti degli aspetti semantici. D’altronde, l’intero progetto discografico segue un itinerario tematico ben definito, tutto giocato sul percorso autobiografico di maturazione della cantante 25enne.

Il brano, dall’inconfondibile eleganza che da sempre caratterizza l’artista, è stato scritto a quattro mani con Tobias Jesso Jr. Nel testo una visione inattesa risveglia ricordi e paure: ma proprio i 25 anni hanno rappresentato per Adele un punto di svolta e nello stesso tempo un momento di riappacificazione con se stessa, nonostante il vagone di ricordi e rimpianti legati al passato che inevitabilmente accompagna la nostra crescita.

Ero così spaventata di affrontare le mie paure
Perché nessuno mi aveva detto che saresti stato qui
Ed ero sicura che fossi andato all’estero
Questo è quello che mi hai detto, quando mi hai lasciata

Sembri ancora un film
Sembri ancora un brano
Mio Dio
Questo mi ricorda, di quando eravamo giovani

Ricordi che conservano il sapore di un film, di una canzone, di una giovinezza ormai distante temporalmente, ma non emotivamente. E’ un attimo farsi trascinare nel passato, a quando tutto era perfetto, a quell’istante che precede la rottura. Impossibile non cadere nella tentazione di riportare indietro le lancette al “cosa sarebbe successo se”, riaccendendo i dubbi e il bisogno di ritrovare l’affetto perduto che ogni fine porta con sé.

Lascia che ti fotografi in questa luce nel caso in cui sia l’ultima volta
Così potremmo essere esattamente come eravamo prima che la facessimo
Eravamo tristi di invecchiare, ci ha reso inquieti
Sono così pazzo che invecchiare mi rende temeraria
Era proprio come un film, era solo come una canzone
Quando eravamo giovani

Esistono momenti di felicità che restano impressi nella memoria come scatti rubati al tempo, che scorre inesorabile tra la paura di invecchiare e la forza acquisita attraverso l’esperienza.

Perdersi è un attimo, dimenticarsi è una vita.

Lascia un commento